Come insegnare al cane a non rincorrere il gatto, consigli e suggerimenti!

come insegnare al cane a non rincorrere il gatto

Abbiamo visto come cani e gatti possono convivere pacificamente, soprattutto se crescono insieme fin da cuccioli. Alcuni cani però, non sanno proprio resistere alla tentazione di rincorrere il gatto che sia di casa, del vicino o che incontra per strada. Scopriamo quindi come insegnare al cane a non rincorrere il gatto onde evitare spiacevoli situazioni…

Perchè il cane rincorre il gatto?

Il cane può rincorrere il gatto come del resto potrebbe rincorrere qualsiasi altra cosa che si muove! Soprattutto se si trova all’esterno; dove potrebbe incontrare un altro cane di piccola taglia, un bambino o semplicemente un pallone con cui giocare. Ogni qualvolta vede qualcosa di piccolo muoversi velocemente, è davvero difficile resistere all’istinto. Generalmente il cane insegue il gatto solo perché scappa; il nostro amico a quattro zampe, malgrado non percepisca in modo preciso i colori, possiede dei sensori di movimento molto sviluppati.

Un’altra ragione per cui il cane insegue il gatto è legata al territorio, il micio potrebbe essere visto come un intruso e di conseguenza la prima reazione è rincorrerlo per allontanarlo. Ci sono cani che hanno questo istinto più sviluppato e chi meno, fatto sta che se vedono un gatto, possono immediatamente lanciarsi all’inseguimento, strattonando violentemente e pericolosamente il padrone, soprattutto se il gatto non sa che è il caso che si fermi se non vuole essere inseguito.

fuga del gatto

Oggi come oggi i gatti lo sanno, e nella maggior parte dei casi, quelli che si incontrano per strada, non si muovono, rimangono fermi ad osservare l’ancestrale nemico che passa loro davanti. In altri casi ancora, il gatto inseguito dal cane si ferma improvvisamente, e a quel punto anche il cane si ferma. Merita invece tutto un discorso a parte il cane che insegue il gatto di casa, scopriamo quindi come insegnare al cane a non rincorrere il gatto con qualche utile esercizio..

cani e gatti che litigano

Come insegnare al cane a non rincorrere il gatto

Partendo dal presupposto che sono gli scatti e i movimenti improvvisi a spingere il cane ad inseguire il gatto, occorre quindi abituarlo a quest’ultimi, in modo che diventino comportamenti normali. Mettete il cane seduto di fronte a voi, poi quando meno se lo aspetta fate un rapido passo all’indietro. Vedrete che il vostro cane farà un balzo nella vostra direzione. Ripetete l’esercizio finché il vostro amico a quattro zampe non rimarrà fermo e tranquillo ai vostri scatti. Quando lo farà, premiatelo! Dovrà capire che se rimarrà immobile, arriverà il premietto.

Una volta che il cane avrà appreso questo esercizio, si potrà introdurre il gatto nella stanza a debita distanza, al fine di evitare reazioni istintive da ambo le parti. Tenete inizialmente il cane al guinzaglio e ripetete l’esercizio sopra descritto con il gatto presente, in modo che il cane crei l’associazione esercizio -> premio -> gatto. Va da sé che il vostro cane dovrà conoscere i “comandi di base” come il seduto, il significato della parola “no”, del “vieni” e il comando lascia, altrimenti è praticamente inutile. Il comando vieni è importante per richiamare l’attenzione del cane, mentre il comando lascia ci sarà utile nel caso il vostro amico venga distratto dal felino.

come cani e gatti

In tutte le varie fasi il cane dovrà essere rassicurato e premiato, mentre al gatto dovrete offrire dei nuovi nascondigli dove non si senta minacciato dal cane. Come insegnare al cane a non rincorrere il gatto non è quindi un’impresa impossibile, il lavoro sarà lungo perché non darà risultati immediati, ma se persisterete e userete la componente P (Pazienza) avrete sicuramente degli ottimi risultati!