Hamilton Stovare carattere e informazioni sul segugio svedese

Hamilton Stovare

Parliamo di una razza canina svedese, quella dell’Hamilton stovare. Scopriamo la sua storia e le sue origini; conosciamo l’aspetto fisico e il carattere che contraddistinguono il segugio svedese.

Origini e Storia dell’Hamilton stovare

L’Hamilton stovare è un cane di origine svedese, ed è noto nella sua terra fin dal XVI secolo. In realtà la sua diffusione era limitata ai reali fino al 1789, poiché la caccia era concessa solo a loro; dalla fine del XVIII secolo cadde il divieto di caccia per i contadini, e il segugio di Hamilton acquistò fama, come tutti gli altri cani da caccia presenti in quella zona. Non ci sono prove certe, ma secondo i più attenti studiosi fra i progenitori del cane in questione ci sarebbero un mix di segugi provenienti dalla Svizzera e dalla Germania del Sud, opportunamente incrociati con gli Harrier e i Foxhound.

Nel 1886, nella prima esposizione di segugi in Svezia, venne presentata una coppia di cani, Pang e Stella, appartenenti al conte Adolf Patrick Hamilton, e si presuppone che fossero i primi due Hamilton stovare esposti. Il nome originario di questi cani era semplicemente segugio svedese, ma nel 1921, per rendere omaggio al precursore della razza nonché fondatore del Kennel club Svedese, venne attribuito e riconosciuto il nome di Hamilton stovare.

Hamilton Stovare cuccioli

Standard di razza Hamilton stovare

L’Hamilton stovare è un segugio di media taglia, perfettamente proporzionato nelle misure e notevolmente strutturato. Il rapporto altezza peso è perfetto e appare evidente la totale assenza di eccessi e grasso superfluo nel cane. Un maschio adulto misura un’altezza media al garrese che va dai 53 ai 61 cm, e il peso è proporzionato. Il tronco sembra intagliato da fasci muscolari disegnati alla perfezione, lunghezza e larghezza ottime. Il torace è profondo e resistente, le costole ben chiuse e il ventre appena retratto. La groppa è snella ma solida. Gli arti sono dritti, l’appiombo con il suolo è ottimo, lunghi e stabili. L’ossatura tonda è molto resistente, come del resto i muscoli posizionati sui quarti posteriori. Il collo è possente, di giusta lunghezza e con una buona circonferenza ben inserita nel torace, ottima la mobilità.

La coda è inserita all’altezza della linea dorsale, come un’unica cosa. Lunga fino al garretto, con una radice consistente e un finale sfinato; viene portata in orizzontale o leggermente sollevata a sciabola. La testa è quella classica del segugio, leggermente allungata e con un cranio piuttosto largo fra le orecchie. Lo stop è evidente, il muso ha una buona consistenza fino al tartufo, ben espanso e nero. Gli occhi sono molto scuri, il taglio è dritto e si presentano perfettamente allineati fra loro, non troppo vicini. L’espressione è quieta ma molto attenta, mai disinteressata.

Le orecchie sono attaccate nella parte più alta del cranio, hanno una base larga e il finale è stondato. Vengono portate morbidamente appoggiate alle guance, e in fase di allerta si sollevano solo un po’. Il pelo si presenta ruvido e grossolano, mediamente corto e molto aderente al corpo. Al tatto è impenetrabile, pesante; alla vista è lucido e ordinato. L’Hamilton stovare deve essere tricolore; il collo, i laterali e la parte alta della coda devono essere neri; la base è fulva, anche con una tonalità tendente al rosso, e sul collo, sul petto, sul muso e sulla groppa è presente il bianco.

Hamilton Stovare prezzo

Cura del cane Hamilton stovare, alimentazione

La salute del segugio di Hamilton non presenta nessun tipo di problema, sono sufficienti per lui le classiche linee guida del veterinario di fiducia. Deve essere alimentato bene, con pasti ricchi di tutti i nutrienti e generosi in dosi. Il pelo, se spazzolato a cadenza regolare, si mantiene pulito e lucido.

Hamilton Stovare carattere

Carattere dell’Hamilton stovare

Per capire bene l’Hamilton stovare bisogna comprendere la sua passione innata per la caccia in muta. Adatto a braccare volpi e lepri, è veloce, infaticabile e perfettamente concentrato su quello che fa. Dotato di un eccezionale olfatto e di una buona vista, segue piste di sangue anche per tratti lunghissimi, e richiama il suo padrone con voce possente e ben udibile, insistentemente, fino alla cattura.

Se volessimo portarlo in famiglia, come cane da compagnia, dovremmo essere sicuri di potergli offrire i giusti spazi, il giusto ambiente e la giusta dinamicità. Non è possibile che un segugio di Hamilton passi la sua vita accucciato sotto la nostra poltrona, ma è verosimile che diventi per noi un amico insostituibile. Il suo atteggiamento con la famiglia è allegro, curioso e molto, molto affettuoso. Riconosce un solo padrone, come tutti i segugi, ma si lega molto agli altri componenti della casa, bambini compresi.

Hamilton Stovare allevamento

Allevamento Hamilton stovare, prezzo

L’Hamilton stovare è un cane che deve essere allevato da un cacciatore, da una persona che abbia la sua stessa passione per le lunghe esplorazioni, per il dinamismo e le battute di caccia. Intelligente ed equilibrato, impara velocemente ad eseguire gli ordini, e diventa un compagno affidabile e coraggioso. In Italia, come ormai abbiamo imparato a capire, i cani del Nord non sono molto diffusi, poiché non è facile farli adattare ad un così pesante cambio di clima.