Gastroenterite nel cane, sintomi e cura contro la parvovirosi canina

gastroenterite cane

La gastroenterite nel cane è una malattia che spaventa moltissimo tutti gli amanti dei nostri amici a quattro zampe, in quanto nei casi più gravi può rivelarsi anche mortale. La gastroenterite virale nel cane prende il nome di parvovirosi canina e può essere provocata da diversi virus. Scopriamo quindi come riconoscere per tempo i sintomi della gastroenterite nel cane e quale cura seguire per debellare la parvovirosi canina

Che cos’è la gastroenterite nel cane

La gastroenterite virale nel cane detta anche gastroenterite emorragica è comunemente conosciuta come parvovirosi canina. A livello generale con il termine gastroenterite canina si intende un’ infiammazione dello stomaco e dell’intestino; mentre quando aggiungiamo alla parola il termine virale significa che l’animale è stato contagiato dal parvovirus. Insieme al cimurro è considerata una delle malattie più pericolose, soprattutto per i cuccioli; fortunatamente al giorno d’oggi si previene con i vaccini.

sintomi gastroenterite cane

Ultimante si sentono sempre più casi di parvovirosi canina o di cimurro nel cane a causa dei cani malati provenienti dai paesi dell’Est; soprattutto quelli degli allevamenti abusivi ed intensivi, i cui cuccioli spesso vengono intercettati dalle forze dell’ordine alle frontiere. Questa è sola una delle molteplici ragioni per cui non si dovrebbero mai acquistare cani di razza da queste persone senza scrupoli; in quanto non solo derivano da una situazione di maltrattamento, ma possono essere anche gravemente malati.

Tipi di parvovirosi nel cane, sintomi e cause correlate

La gastroenterite virale è provocata da un virus appartenente alla famiglia dei Parvoviridae. Di questo virus ne esistono vari ceppi: CPV-2, CPV2a e CPV2b. E’ un virus che colpisce solo i cani, anche se a livello sperimentale possono essere contagiati anche coyote, volpi, lupi, procioni e dingo. Il parvovirus è considerato parente della panleucopenia virale del gatto, del virus dell’enterite e della miocardite dell’oca.

parvovirosi canina

E’ un tipo di virus molto resistente all’ambiente esterno, è infatti in grado di sopravvivere anche sei mesi; i disinfettanti purtroppo risultano del tutto inefficaci. L’unica sostanza in grado di eliminarlo con ripetuti passaggi è la candeggina. L’infezione da parvovirosi canina avviene sempre per via orizzontale; ossia attraverso feci, defezioni o pelo di cani infetti; tramite oggetti che sono stati a contatto con il virus e mediante vettori passivi, come ad esempio gli insetti.

Il virus si può trasmettere anche per via transplacentare, ossia passare dalla placenta della mamma ai cuccioli. La gastroenterite nel cane ha un’ incubazione che va dai 7 ai 14 giorni, anche se le forme acute possono manifestarsi dopo i 4-5 gg dal contagio. I sintomi della parvovirosi canina si manifestano con vomito, anoressia, abbattimento, disidratazione, diarrea di color giallastro con presenza di sangue e febbre alta nel cane, anche di 40-41°.

parvovirosi cuccioli

Come curare la parvovirosi canina

Iniziamo con il dire che non esiste una cura specifica contro il parvovirus; di conseguenza, in caso di contagio, occorrerà cercare di sostenere il fisico del cucciolo in attesa che il virus faccia il suo corso senza ucciderlo. Generalmente la cura per la gastroenterite virale è la stessa utilizzata per curare l’enterite nel cane.

parvovirosi cane

Pertanto la terapia si baserà sulla somministrazione di antibiotici per prevenire infezioni batteriche che potrebbero complicare il quadro clinico; reidratazione mediante la fluido-terapia e prescrizione di farmaci anti vomito e anti diarrea al fine di evitare la continua disidratazione.

E’ possibile prevenire la gastroenterite nei cani grazie alla vaccinazione del cucciolo. Si inizia infatti con il primo vaccino ad un mese al quale seguiranno altri tre richiami, a due, a tre e a quattro mesi. Come sempre vi ricordiamo che la prevenzione in questi casi è importantissima, vi consigliamo quindi di vaccinare al più presto il vostro cucciolo onde evitare possibili tragedie.