Zecche nei cani, come riconoscerle e come togliere una zecca al cane

zecche nei cani

Quando arriva la primavera, ecco risvergliarsi alcuni dei più acerrimi nemici dei nostri amici a quattro zampe, stiamo parlando delle zecche nei cani. Le zecche sono dei parassiti ematofagi appartenenti a un sottordine degli acari chiamato Ixodida; nonostante le innocue dimensioni possono essere molto pericolose, in quanto in grado di trasmettere malattie infettive. Scopriamo quindi come riconoscere le zecche nei cani e come togliere una zecca al cane nel modo corretto.

Zecche nei cani: come riconoscerle

Le zecche possono appartenere a due grandi famiglie: zecche dure, provviste di un dorso duro, e zecche molli, le argasidae, prive di corazza. Le specie più diffuse sono sicuramente la zecca del bosco (Ixodes ricinus) e la zecca del cane (Rhipicephalus sanguineus), ovvero i parassiti che prediligono maggiormente il pelo degli animali.

Le zecche dei cani sono lunghe circa 1–2 mm negli stadi giovanili, e superano anche il centimetro di lunghezza nello stadio adulto. Generalmente le femmine sono grigiastre mentre i maschi sono molto più scuri, quasi neri. Questi parassiti infestano tutti gli animali selvatici, anfibi e rettili compresi; anche l’uomo non ne è immune, ma solitamente è solo una vittima occasionale.

Spesso questi piccoli parassiti sono molto astuti; tendono infatti ad insediarsi nelle parti più difficili da raggiungere con la bocca o le zampe, come spazi interdigitali, collo e orecchie. Quando la zecca si attacca al cane è molto piccola; solo in seguito, dopo aver succhiato il sangue, tenderà ad ingrandirsi diventando tonda e gonfia, per infine staccarsi e cadere a terra. Non preoccupatevi, il cane non avverte il morso di zecca, non sente dolore, in quanto la zecca secerne una sostanza anestetica.

zecche cani come riconoscerle

Come togliere una zecca al cane

Se vi state chiedendo come togliere le zecche ai cani, sappiate che non è così semplice come potrebbe sembrare; si consiglia sempre di rivolgersi al medico veterinario. Tuttavia possiamo dirvi come togliere una zecca al cane nel modo corretto.

Molte persone sostengono che sia utile cospargere la zona infetta con dell’alcol al fine di stordire la zecca ed estrarla più facilmente; altri invece sostengono che sia sbagliatissimo proprio perchè è durante il sonno che la zecca morde, trasmettendo malattie virali come la borelliosi, la piroplasmosi o l’ehrlichiosi. Secondo il nostro punto di vista, è sicuramente preferibile un granuloma da zecca riassorbibile in un paio di mesi rispetto alla malattia di Lyme.

come togliere una zecca al cane

Armiamoci quindi di guanti in gomma e pinzette per zecche, cercando di afferrare la testa della zecca estraendola lentamente. Evitate movimenti di torsione troppo bruschi al fine di non rompere il rostro, ossia quella parte che tiene attaccata la zecca alla cute del cane; accertatevi che non rimanga alcun residuo. Se ciò accadesse, non fatevi prendere dal panico, disinfettate la zona e applicate un impacco caldo per favorirne l’espulsione.

Successivamente disinfettate tutto per bene e monitorate la zona trattata per qualche giorno; una piccola crosticina rossa sarà del tutto normale, ma se notate rossori, febbre nel cane, urine scure o stati letergici, recatevi immediatamente dal medico veterinario. Una volta estratta la zecca non schiacciatela a terra, potreste liberarne le uova; avvolgetela con un pezzo di carta, buttateci sopra dell’alcol e liberatevene buttandola nel water. Infine è intuile ricordare che il metodo migliore per eliminare le zecche nel cane è sicuramente rappresentato dall’utilizzo degli appositi antiparassitari; ricordiamoci sempre che la prevenzione rappresenta sempre la strada migliore da seguire.