Come lavare un gatto o un gattino | si possono lavare i gatti ?

come lavare un gatto

Si possono lavare i gatti? Come e quando? E’ una domanda che molti cat lovers, soprattutto alle prime armi con questi splendidi animali si pongono, perché è risaputo anzi è luogo comune pensare che i gatti odiano l’acqua e non si devono lavare perché alla loro pulizia ci pensano da soli. E’ certo che il cane si lava molto di più del gatto proprio per il fatto che il primo non si toiletta come il secondo. Malgrado ciò ci sono delle circostanze per cui anche il gatto non sfugge al bagno. Scopriamo come lavare un gatto e come pulire un gattino piccolo..

I gatti si lavano? | quando pulire il gatto

Ci sono circostanze in cui non è possibile non lavare il gatto soprattutto se vive in casa e queste possono essere:

  • Gatto sporco di vernice, tinture o simili.
  • Ha preso i parassiti: pulci, zecche o pidocchi.
  • Avete deciso di presentarlo ad un concorso di bellezza.
  • Il pelo del gatto è talmente ingarbugliato che da solo non riesce ad eliminare tutti i peli morti.

come lavare un gattino

Come lavare un gatto e come pulire un gattino

Continuando a ricordare che i gatti non devono essere lavati frequentemente, può accadere, come già anticipato che occorra lavarli. Vediamo quindi come fare il bagno al gatto:

Come lavare i gatti | preparativi

  • Spazzolare accuratamente il gatto prima di bagnarlo in modo da togliergli il pelo morto.
  • Tenete a portata di mano tutto quello che vi serve per lavarlo in quanto il vostro micio come prenderà coscienza delle vostre intenzioni farà di tutto per svignarsela e se ci riesce scordatevi di riuscire a fare il bagno al gatto di li a breve.
  • Se è inverno scaldate accuratamente la stanza dove avete intenzione di fare il bagno al gattino.
  • Decidete cosa utilizzare come vasca da bagno per gatti: potete usare sia la vasca che il lavandino. Ovviamente dipende dalle dimensioni del gatto e dalle sue tendenze alla fuga: è più facile che vi scappi dal lavandino che dalla vasca. Questo non significa che non riesca a volare sopra l’armadietto del bagno facendo un salto dalla vasca. Sapete benissimo che i gatti possono combinarne di tutti i colori 😉
  • Una volta che avrete deciso dove lavare il gatto mettete un tappetino antiscivolo in modo che il micio abbia un appoggio saldo per le zampe.
  • Riempite il lavandino o la vasca con alcuni cm di acqua alla temperatura di 38-39°C. ossia alla temperatura corporea del gatto.

come pulire il gatto

Come lavare un gatto in casa | bagno gatto

  • Introducete il micio nella vasca e bagnatelo con un getto d’acqua debolissimo sulla schiena. Non cominciate mai dalla testa, rischiereste di spaventarlo e farlo scappare via.
  • Quando il pelo avrà assorbito l’acqua, passate all’insaponamento. Usate ovviamente prodotti specifici, come ad esempio lo shampoo per gatti. Non usate mai quelli per uso umano che hanno un ph troppo alto e darebbero problemi alla pelle del gatto.
  • Massaggiate il gattino molto delicatamente.
  • Passate al risciacquo: non iniziate mai dalla testa anche in questo caso. Non abbiate fretta: dovete togliere tutti i residui di sapone.

Come lavare un gatto | asciugatura

  • Se il gatto ha il pelo lungo cercate molto delicatamente di strizzarlo senza torcerlo o spezzarlo, successivamente passate il panno e massaggiate il gatto finchè non avete tolto tutti i residui d’acqua. Se è estate e ci sono 40 gradi all’ombra evitate il phon.
  • Il phon. Se dovesse servire usate il fon sempre a temperatura bassissima cominciando dal petto del gatto per poi passare alle zampe anteriori poi il collo, dorso pancia e zampe posteriori. Queste vanno asciugate per ultime perché sono parti particolarmente sensibili per il micio. Ricordatevi inoltre che il phon va sempre utilizzato contropelo.
  • Prima di lasciare andare il vostro micio tutto bello e profumato, asssicuratevi che sia completamente asciutto.