Cantonieri ANAS adottano cane abbandonato in autostrada

cantonieri anas

La storia ha inizio i primi d’agosto quando ai bordi dell’autostrada A3 – la Salerno-Reggio Calabria, all’altezza di Sala Consilina, vagava un cane abbandonato, presumibilmente per permettere al suo ex padrone di fare le ferie (ci auguriamo gli siano andate malissimo, n.d.r.).

La fine del 4 zampe poteva essere tragica: investito e ucciso e nella peggiore delle ipotesi provocando un incidente a qualche automobilista, ma è facile immaginare che chi abbandona un cane sull’autostrada, gliene importa poco anche degli esseri umani.

La fortuna però ha voluto che mentre il cane vagava, ferito ad una zampa, lungo l’autostrada è stato avvistato dai cantonieri dell’ANAS al km 72, che si sono trasformati in angeli custodi per il povero cagnolino.

Sono subito intervenuti, hanno segnalato ai veicoli di rallentare per poter avvicinarsi al cane, che all’inizio era molto spaventato, ma poi ha capito subito che quei signori in tute fosforescenti erano venuti a salvarlo. Lo hanno portato poi al loro centro di manutenzione, lo hanno rifocillato e prestato le prime cure alla zampetta e lo hanno battezzato Nerone, perché è tutto nero.

Tutte le squadre di turno di quel tratto dell’A3 stanno mettendo a disposizione il loro tempo per accudire Nerone al quale hanno anche confezionato una piccola casacca gialla con scritto Anas, ma i cantonieri sognano per lui una famiglia amorevole e quindi hanno lanciato un appello a chi fosse interessato ad adottarlo, in quanto un cantiere non è certo il top per un cane.

Trovare una famiglia a Nerone sarebbe un meraviglioso epilogo ad una storia che dovrebbe insegnare a tutti che soccorrere un animale in difficoltà è un atto di immensa civiltà.