Come calmare un cane agitato o tranquillizzare un cucciolo

come calmare un cane agitato

Capita spesso, quando possediamo un cane, di doverci scontrare con un carattere un po’ esagerato, troppo esuberante o addirittura iperattivo. A volte non siamo preparati e non è facile gestire atteggiamenti, per così dire, sopra le righe; ma qualcosa si può fare. Vediamo insieme come calmare un cane agitato o tranquilizzare un cucciolo

Come riconoscere un cane agitato o iperattivo

Un cane agitato o iperattivo assume dei comportamenti facilmente individuabili, strettamente collegati allo stato d’animo e quindi per lui spesso incontrollabili. Nel caso del cane iperattivo i segnali che il nostro cane ci invia sono molti, ma è importante saperli interpretare. Un cane iperattivo è in eterno movimento, sembra sempre cercare qualcosa o avere qualcosa da fare. Gratta spesso le porte come a voler uscire, mangia compulsivamente qualsiasi cosa, commestibile e non, a rischio della sua stessa salute.

Il cane affetto da iperattività corre per casa senza una ragione, abbaia freneticamente e salta addosso alle persone; ancor di più vuole giocare continuamente e non accetta il guinzaglio, a volte è totalmente fuori controllo. Spesso si confonde l’iperattività con una normale esuberanza, ma bisogna partire dal presupposto che può essere considerata una vera e propria patologia, e come tale va trattata.

cane iperattivo

Perchè il cane è agitato?

Innanzitutto bisogna tener conto dell’età del cane. Nel caso si tratti di un cucciolo o di un cane comunque molto giovane, una leggera iperattività o comunque uno stato d’eccitazione continuo è abbastanza normale; si tratta di un atteggiamento di euforia dovuto alla continua scoperta del mondo che lo circonda, e rientrerà con l’avanzare dell’età e con una buona educazione. Nel caso del cane adulto invece non dovrebbe essere così.

L’agitazione del cane è il manifesto di un disagio che egli stesso prova, ed è necessario trovare una soluzione. Appare evidente, infatti, che il problema dell’iperattività o comunque di un’eccessiva agitazione può in qualche modo rovinare la vita sociale del cane e del padrone che non riesce a gestirlo. Non ultima in ordine di importanza, la necessità di risolvere un atteggiamento esagerato del nostro cane è strettamente collegata alla sua salute.

tranquillizzare un cucciolo

Come calmare un cane agitato

Molto spesso l’agitazione costante dal cane dipende da un problema vissuto in tenerissima età, come il precoce distacco dalla madre naturale. Potrebbe però trattarsi anche del risultato di una vita sregolata, in una casa con pochi stimoli o esageratamente caotica. Per calmare un cane agitato a volte può essere necessario l’intervento di un veterinario o di un educatore esperto, in alcuni casi perfino affiancato da una terapia farmacologica. Ma più spesso si può ricorrere a soluzioni meno drastiche. Siamo già a conoscenza dell’efficacia, ad esempio, di cure omeopatiche e addirittura dei fiori di Bach, utilissimi a gestire lo stato d’animo di persone ed animali.

Ancor prima di questo però possiamo lavorare su noi stessi, iniziando ad insegnare al cane alcune regole fondamentali. Mangiare ad un orario prestabilito è un ottimo inizio, e la stessa cosa vale per la passeggiata e per la stessa condotta al guinzaglio. Un cane senza regole sfoga la sua confusione nell’agitazione, e più tardi interveniamo più difficile è il recupero.

Giochi adatti ad un cane troppo agitato

Il gioco, lo sappiamo, è fondamentale per il nostro cane, a qualsiasi età. Se il nostro cane è agitato la prima cosa da fare è fargli comprendere che non può giocare continuamente ma deve rispettare delle regole anche in questo; proponiamogli quindi un gioco non quando ce lo chiede insistentemente ma quando lo riteniamo opportuno. Scegliamo dei giochi interattivi per cani, atti a sviluppare la pazienza e il ragionamento ed evitiamo quelli pieni di musichette ed esageratamente colorati, per non sovraeccitare il cane.

cane agitato

Come controllare un cane agitato davanti agli ospiti

Il cane iperattivo tende ad abbaiare insistentemente, talvolta a mordere i nostri ospiti in eccessi di euforia. Arriva ad impedire conversazioni e talvolta ci costringe a declinare inviti. Per evitare che accada cerchiamo di tenere il cane, in presenza di ospiti, al nostro fianco, accarezzandolo con calma ma anche con fermezza, in maniera tale che riconosca il contatto fisico di cui ha bisogno. Parlando con i nostri amici, spieghiamo che è necessario, anche se difficile, che ignorino il cane nei suoi eccessi e lo degnino invece di attenzione quando è pacato, in questo modo capirà qual è il giusto atteggiamento per ottenere attenzioni. Un ultimo consiglio, evitare sempre di fissare negli occhi un cane agitato o iperattivo, perchè per lui è una sollecitazione esagerata.

Abbiamo visto che a volte è necessario l’intervento di persone che ne sanno più di noi, e in alcuni casi addirittura l’utilizzo di farmaci; per questo motivo è sempre bene farsi consigliare dal nostro veterinario. Ma il primo passo per calmare un cane agitato deve partire dentro di noi. All’interno della nostra casa è importante che tutti collaborino, assumendo un atteggiamento ordinato e scandito dalle regole. Non è difficle, ma è importante la costanza e la coerenza. Dobbiamo ricordare che l’irrequietezza del cane adulto è sintomo di un disagio profondo che non può essere in nessun modo ignorato. In questo modo riusciremo a tranquillizzare il nostro cane non solo in quel determinato momento ma nel profondo, riuscendo così a riportare una situazione di calma e serenità in casa e nel cane stesso.