Cani aggressivi | Etologia canina e comportamento del cane aggressivo

cani aggressivi

Pillole di etologia canina… Svolgiamo un’analisi approfondita sull’aggressività del cane, ricercando tutte quelle cause che possono influire sul comportamento dei notri amici spingendoli a diventare dei cani aggressivi

Cani aggressivi e regole della natura

Prima di tutto dobbiamo sottolineare, che l’aggressività del cane si muove proprio come quella umana lungo 2 direttive, ovvero, ostilità ed attacco. In ogni caso tra essere dei cani aggressivi e mostrare un comportamento aggressivo il distacco è notevole. Al mondo esistono individui maggiormente inclini ad essere aggressivi rispetto ad altri, generalmente questo comportamento è dettato dalla regola più importante che esiste in natura: la sopravvivenza.

Infine la socializzazione permette l’organizzazione del gruppo, vale a dire l’assegnazione dei ruoli per proteggere i più deboli, nello specifico femmine e cuccioli, al fine di rispettare la seconda regola più importante: preservare la riproduzione della specie. L’aggressività del cane si può distinguere in due filoni: aggressività intraspecifica (appartenenti alla stessa specie) e aggressività interspecifica (specie diverse).

cane aggressivo

Cause del comportamento dei cani aggressivi

Il comportamento dei cani aggressivi è legato a tre fattori importantissimi nella vita del cucciolo. Il primo riguarda la competizione; i cuccioli per raggiungere il latte materno competono con i fratellini, una volta presa coscienza che non potranno gestire i rapporti con gli altri cuccioli solo attraverso l’aggressività, adotteranno inconsciamente altre strategie, aumentando così la loro socialità.

Il secondo riguarda lo svezzamento, come sempre ricordiamo che è importantissimo non togliere i cuccioli alla madre troppo presto, non solo i piccoli non avranno ancora imparato a gestire l’aggressività ma potrebbero sviluppare paure e fobie. Il terzo riguarda invece la competizione con il padre. Questa fase è considerata molto importante dagli etologi, in quanto i cuccioli iniziano a relazionarsi con il mondo esterno e con i cani maschi adulti del branco. Quest’ultimi come abbiamo già avuto modo di vedere, sono importantissimi nell’educazione del cucciolo, sono infatti i primi a correggere i piccoli quando sbagliano.

Come avrete intuito, queste tre fasi sono importantissime nell’educazione canina, se vengono a mancare non c’è da sorprendersi nel ritrovarsi dei cani aggressivi. Il discorso in realtà vale per i cani come per gli umani, l’educazione che si riceve da piccoli formerà tantissimo il carattere di una persona adulta e coscienziosa.

aggressivita del cane

Forme di aggressività nel cane

I cani aggressivi possono manifestare diverse forme di aggressività, ognuna delle quali è strettamente legata a una motivazione ben precisa:

  • Aggressività competitiva: legata alla sopravvivenza e rivolta ad ottenere risorse primarie, come acqua, cibo e territorio di caccia;
  • Aggressività difensiva: il cane esercita il suo diritto alla difesa;
  • Aggressività predatoria: rivolta verso un unico obiettivo, ossia, procurarsi del cibo.

Inutile sottolineare che se il cane viene lasciato in un recinto per un lunghissimo periodo di tempo, senza possibilità di fuga, il manifestarsi di questi istinti dettati dalla natura è del tutto normale, non dovremmo quindi sorprenderci se i cani diventano aggressivi in certe circostanze!