Levriero irlandese, carattere e informazioni sul levriero gigante

levriero irlandese

Parliamo del Levriero irlandese, il gigante buono. Riproduzione del mitico Irish Hound, o Cù Faoil, il terribile cane da guerra degli antichi Celti. Scopriamo come si è evoluta questa razza canina e come sia diventato uno splendido esemplare di cane da guardia; imponente per la stazza ma fondamentalmente buono.

Origini e Storia del levriero irlandese

Il Levriero irlandese naque grazie al capitano Graham che, nella speranza di ricreare il temibile Irish Hound, incrociò esemplari di Alano tedesco con esemplari di Deerhound e Borzoi russo. Il suo nome originale è Irish Wolfhound, che significa letteralmente cane da lupo; e infatti, come tutti i Levrieri, anche quello irlandese veniva utilizzato per dare la caccia a cervi e lupi.

Grazie alla sua mole enorme era considerato l’arma migliore per uccidere soprattutto questi ultimi, al punto che si è fermamente convinti che l’estinzione dei lupi in Gran Bretagna e Irlanda sia stata sensibilmente accelerata proprio dal Levriero irlandese. Ad oggi viene utilizzato come cane da guardia, i successivi incroci pare abbiano addolcito non poco il suo carattere, fino a renderlo un cane da compagnia adatto anche ai bambini. In Italia non ha una gran diffusione, ma ci sono diversi esemplari, e tutti di un livello qualitativo altissimo.

irish wolfhound

Standard di razza del Levriero irlandese

Il Levriero irlandese è un cane di taglia gigante, ed è il più alto al mondo, con un’altezza che raggiunge anche gli 86 cm al garrese e un peso che si aggira attorno ai 50 kg. Il Levriero gigante è morfologicamente catalogato come graioide, il suo corpo è allungato e snello, ma ricoperto da una muscolatura d’acciaio. Il dorso è lungo e molto imponente, i fianchi stretti e la groppa discesa. Il ventre è tipico del Levriero, retratto ma comunque molto solido. Le zampe sono lunghe ed agili, con una struttura ossea molto forte e muscoli ben tesi che regalano grande velocità al cane.

La coda è attaccata bassa ed è lunga in proporzione, affusolata e portata morbida. La testa ha una forma allungata e snella, il cranio piatto e spazioso fra le orecchie; il muso è lungo a ppuntito, lo stop appena percettibile. Le piccole orecchie sono triangolari e morbide, vengono portate basse e tese all’indietro. Gli occhi sono piccoli e scuri, allineati fra di loro e non troppo distanti; l’espressione profondamente buona e docile. I colori ammessi dallo standard di razza sono diversi, vengono riconosciute tutte le varianti del grigio, il marrone, il rosso e il daino. Il pelo è corto e ruvido, al tatto deve risultare duro.

prezzo levriero irlandese

Cura del Levriero irlandese, alimentazione

La salute del Levriero irlandese è buona, a parte la predisposizione alla displasia dell’anca; ciò nonostante stiamo parlando di un cane di taglia gigante, quindi notoriamente non molto longevo. La sua vita media è di circa 8 anni, ma se ben accudito e alimentato correttamente può arrivare a vivere anche 12 anni.

Per assicurarsi una buona vita il cane irlandese ha bisogno anche di un’attività fisica quotidiana proporzionata alle sue necessità. La sua dieta deve essere varia e molto bilanciata nei nutrienti, in dosi generose che il cane possa gestire in autonomia. Il pelo non crea particolari problemi, ma va spazzolato e cardato di frequente poiché tende ad annodarsi.

levriero irlandese carattere

Carattere del Levriero irlandese

Il portamento elegante ed austero del Levriero irlandese lascia immediatamente intuire un carattere docile ed affettuoso, il cane gigante si affeziona a tutta la sua famiglia, pur riconoscendo un unico padrone, si presta molto volentieri a giocare con i bambini; anche se, data la stazza enorme, ci riserviamo sempre di consigliare la supervisione di un adulto. Molto protettivo nei confronti del suo padrone, il Levriero può rispolverare tutta la sua aggressività pregressa pur di salvaguardarlo. Va detto però che tendenzialmente il cane irlandese tende ad abbaiare in modo polemico per avvertire l’ospite del suo scontento ben prima di perdere definitivamente la pazienza.

Si può tranquillamente far vivere in casa se si riesce a sopportarne la mole, ma comunque il Levriero irlandese ha bisogno di ampi spazi aperti per le sue lunghe e irrinunciabili corse. Oltre ad essere un cane molto dolce, il Levriero è anche perspicace ed intelligente; si addestra con una facilità estrema e risponde senza indugio a tutti i comandi diretti del suo padrone. Ama prendersi cura dei bambini e sorvegliarli da lontano, non mostra mai aggressività verso le persone che conosce ma si innervosisce se non riesce a sfogare la sua energia. Proprio per una questione di salvaguardia della sua salute, il cane irlandese ha quindi bisogno di molta attività fisica giornaliera.

Per ovvie questioni non può essere considerato un cane adatto a tutti, prima di tutto perchè un cane di tali dimensioni occupa lo spazio, fisico ma anche economico, almeno di una persona. Il suo proprietario, poi, deve essere una persona dinamica, con un carattere forte e capace di chiarire subito la scala gerarchica in casa; bisogna ricordare, infatti, che non è mai una buona idea lasciare che a prendere il sopravvento sia il cane, specialmente se così grande.

allevamento levriero irlandese

Allevamento Levriero irlandese, prezzo

I cuccioli di Levriero irlandese sono già dei piccoli giganti, affettuosi e giocherelloni. Socievoli a dismisura, faranno subito amicizia con tutti gli animali che gli capiteranno a tiro e passeranno intere ore a giocare con i bambini, che adorano già da piccoli. Non hanno bisogno di grande attenzione in quanto sono molto autonomi anche nel gioco e nello stringere nuove amicizie; l’importante è che abbiano la possibilità di farlo frequentando fin da subito luoghi in cui ci sia la presenza di persone ma anche di altri animali.

In Italia esistono pochi allevamenti di Levriero irlandese riconosciuti dall’ENCI, e sono tutti concentrati nel Nord. Il prezzo di un esemplare è compreso fra gli 800 e i 1.300 euro, ed è fondamentale che al momento dell’acquisto ci venga presentato il pedigree e il libretto medico del cucciolo, in modo da poterne verificare lo stato di salute ottimale.