Pelo del cane | Come spazzolare un cane e come curare il pelo del cane

pelo del cane

Tutto sulla cura del pelo del cane.. Spazzolare il cane è essenziale quanto nutrirlo, accarezzarlo ed educarlo. I motivi per cui il cane deve essere frequentemente spazzolato sono abbastanza ovvi, a partire dal benessere dell’animale stesso. Un pelo intricato da nodi può portare ad infiammazioni cutanee oltremodo fastidiose per il nostro animale, per non parlare dei parassiti o dei corpi estranei che possono intrufolarsi sul mantello, soprattutto se abbiamo la buona abitudine di portarlo spesso a passeggio nei parchi. Scopriamo come spazzolare un cane nel modo corretto e come curare il pelo del cane

Come curare il pelo del cane | perdita pelo cane

Non dobbiamo sottovalutare la naturale perdita del pelo del cane che il nostro amico ha con cadenza regolare nel periodo della muta, quando il sottopelo cade per lasciare posto a quello nuovo. Il pelo morto va spazzolato via, in modo da lasciar traspirare la cute del cane. La continua cura del pelo del cane sarà sicuramente apprezzata dal nostro amico a quattro zampe aiutando a rinforzare sempre di più il rapporto tra noi e lui. Ma per far si che questo avvenga bisogna che il cane non viva il momento della tolettatura come un tormento ma come una cosa positiva, simile ad un gioco o ad una sessione di coccole da parte nostra.

Per questo è fondamentale che il cane sia abituato alla spazzola per cani e al cardatore fin da cucciolo. Una buona idea è quello di abituare il nostro cane ad essere spazzolato prima dell’ora della pappa, in modo che lui sappia che questa è la regola, prima il dovere e poi il piacere. Parlare con lui con toni dolce e carezzevoli durante la pulizia del cane lo tranquillizzerà e si lascerà pulire più volentieri. Dobbiamo inoltre prestare molta attenzione allo stato d’animo del nostro cane, tentare di spazzolarlo in un momento in cui è particolarmente nervoso potrebbe essere controproducente, oltre che inutile.

come curare il pelo del cane

Cura del cane a pelo lungo e a pelo corto

Come spazzolare il cane? Naturalmente la prima cosa da fare è procurarci gli strumenti giusti in base al tipo di pelo del cane. Per i cani a pelo raso come ad esempio i Dobermann basterà avere un guanto apposito da passare sul suo pelo come una carezza per eliminare il pelo morto con cadenza settimanale, in questo caso il cardatore per cani è inutile poiché non c’è rischio che il pelo si annodi.

Se abbiamo un cane a pelo corto o medio lungo, come ad esempio un labrador, sarà più probabile trovare dei nodi, anche grazie al sottopelo abbastanza folto, e allora dovremo prenderci un po’ più cura del suo pelo. In questo caso utilizzeremo un pettine per cani per sciogliere eventuali nodi e portare via foglioline o insetti dal pelo del cane, e poi sarà la volta della spazzola che passeremo sul tutto il corpo del cane con delicatezza, senza tralasciare le parti meno comode.

Un cane a pelo lungo, come ad esempio il Collie, ha bisogno di una cura continua del pelo, il procedimento sarà il medesimo, prima il pettine e poi una spazzola per cani a pelo lungo, facendo molta attenzione a non tirare troppo in presenza di nodi, passando invece il pettine a zig zag per facilitarne lo scioglimento, e senza esercitare troppa pressione per evitare di ferire il cane. Nel caso in cui abbiamo un cane con pelo riccio, tipo il Barboncino, va usato un piccolo rastrello anziché il pettine per sciogliere i nodi e una spazzola per cani con delle larghe setole di metallo. In questo caso ricordiamo che c’è bisogno anche di una continua tosatura perchè il pelo del cane Barbone cresce continuamente.

come spazzolare un cane

Come spazzolare un cane | Il cardatore

Per spazzolare il cane in maniera efficace bisogna seguire delle piccole e semplici regole, che sono di importanza fondamentale. A meno che il cane non sia a pelo raso va usato il cardatore una volta a settimana, in modo da mantenere il più possibile il pelo del cane districato. La spazzola per cani invece va usata il più spesso possibile, in particolar modo quando si torna da un’uscita in campagna. Vediamo come vanno passati sia il cardatore che la spazzola per cani.

Il cardatore pulisce in profondità il pelo eliminando corpi estranei e sciogliendo i nodi, va passato partendo dalle zampe per finire con il dorso, seguendo il verso naturale del pelo. Occore un movimento deciso ma leggero, in modo che il cane non senta la vostra titubanza che potrebbe innervosirlo, ma allo stesso tempo non venga ferito da un eccesso di energia. Questa operazione, se fatta una volta a settimana, oltre a prendersi cura del pelo del cane stimola l’ossigenazione del sangue nel nostro amico a quattro zampe.

spazzola per cani

Come spazzolare il cane | La spazzola per cani

La spazzolatura invece va effettuata più di frequente, almeno due volte a settimana. Si parte dalla testa del cane e si scende in direzione della coda, insistendo sul collo e sulla parte posteriore del cane, le zone in cui di solito c’è una maggiore presenza di pelo morto. Anche in questo caso va assolutamente rispettato il verso del pelo del cane, e non va mai fatto sul pelo bagnato. Se con la spazzola per cani si incontrano resistenze nel pelo non bisogna tirare per evitare di fare male al cane, ma bisogna muoversi a zig zag. La cosa più importante è usare sempre molta delicatezza, e non dimenticare mai di premiare il cane che si lascia spazzolare tranquillamente.

Ricordiamo che un cane spazzolato di frequente è un cane più sano oltre che più pulito, il massaggio effettuato dalla spazzola per cani inoltre ha l’effetto di rilassare i muscoli del nostro amico, che sarà tendenzialmente più sereno. Per quanto riguarda noi, vedere il nostro cane rilassato e in salute è indubbiamente un ottimo premio, ma se non bastasse ricordate che più peli toglieremo con la spazzola, meno ne troveremo su vestiti e divani, e direi che questo è di sicuro sufficiente.