Come insegnare al cane il riporto | Addestrare un cane al riporto

come insegnare al cane il riporto

Come insegnare al cane il riporto? Quante volte si sente dire: “al mio cane piace la pallina però non me la riporta. Beh! pretendere che sappia “geneticamente” riportare un oggetto all’amico umano, è un po’ pretenzioso.. E’ vero che ci sono i cosiddetti “cani da riporto” ma anche loro hanno seguito un addestramento, come è vero che esistono razze canine più portate per questa attività. Nonostante questo, tutti i nostri amici sono in grado di riportare gli oggetti che gli lanciamo, e fidatevi, quando un peloso ama giocare con il proprio padroncino addestrare un cane al riporto, è davero un gioco da ragazzi! Vediamo nel dettaglio come insegnare al cane a riportare la pallina, il bastone e molti altri oggetti; con un po’ di pazienza, vedrete che riuscirete sicuramente nell’intento!

I cani da riporto

Con il termine riporto si indica l’atto di recuperare un oggetto lanciato o collocato, dal conduttore, in un determinato luogo. Gli esercizi in tal senso possono essere molteplici e pertanto c’è da divertirsi parecchio, sia per l’umano mentre scopre come insegnare il riporto al cane, sia per il peloso che segue l’addestramento divertendosi. E’ importante ricordare, che l’esercizio deve risultare molto divertente per il cane, in quanto il riporto non rientra proprio nella natura dei nostri amici a quattro zampe, ad eccezione di alcune razze canine.

Pensate ad esempio, i Jack Russell o i Border Collie, che impazziscono solo alla vista di una pallina; per non parlare dei cani da riporto selezionati geneticamente, come i Golden Retriever o i labrador. Al contrario, esistono anche razze di cani proprio non interessate a questa attività, come ad esempio i cani da guardia.. Per alcuni di loro riportare la pallina non è altro che un inutile perdita di tempo, quindi se proprio non ci riuscite, evitate, evidentemente hanno cose più importanti da fare!

Nell’addestrare un cane al riporto, esiste un regola fondamentale: Mai farsi prendere in giro! Molti cani hanno infatti l’abitudine, di fare l’esatto contrario, vale a dire insegnare il riporto al proprio padroncino, divertendosi ad esempio a riportare la pallina giusto qualche metro più in la;) Detto questo, prima di scoprire come insegnare al cane il riporto, è importante ricordarvi che conoscere i comandi di base come il seduto, il resta, il lascia e il comando vieni è essenziale, diamo per scontato che già li conoscete.

addestrare un cane al riporto

Come insegnare al cane il riporto con la pallina e il metodo della sostituzione

Come già anticipato, se il vostro amico a quattro zampe ama giocare con la pallina, insegnare il riporto al cane sarà semplicissimo, vediamo come fare.. Se quando gli lanciate la pallina, il vostro cane non ve la riporta e vi invita a correre con lui, inginocchiatevi e chiamatelo con il comando vieni, indietreggiate e fategli tanti complimenti. Quando arriverà da noi con la pallina, diamogli il “comando lascia“, facendogli vedere magari un biscottino o un premietto. Se conosce il seduto, invitiamo il cane a sedersi e successivamente premiamolo (ovviamente per mangiare il bocconcino premio lascerà la pallina ai vostri piedi). Ripetiamo l’esercizio più volte fino a quando il cane non avrà capito che il “comando lascia” equivale a “lascio la pallina/prendo il premietto!”.

Se il vostro cane preferisce tenersi la pallina per sè, nonostante i gustosi bocconcini di addestramento, esiste il metodo della seconda palla, detto anche “metodo della sostituzione”. In questo caso, se non vi riporta la prima, lancerete una seconda pallina. Quando il cane si precipiterà all’inseguimento della seconda, raccoglierete la prima. Successivamente chiameremo il cane mostrandogli la pallina che abbiamo raccolto, daremo il “comando lascia” (per distogliere l’attenzione dalla seconda pallina), e solo dopo che l’avrà lasciata gli tireremo la prima.

insegnare il riporto al cane

Come insegnare al cane il riporto

Per tutti i quattro zampe che invece non amano giocare con la pallina, il discorso si complica un pò ed è indispensabile che l’umano instauri con il suo cane un ottimo rapporto. In questi casi, la soluzione migliore consiste nell’aumentare l’istinto predatorio del cane. Se il cane ignora l’oggetto che gli lanciate, avviciniamoci a quest’ultimo, chiamiamolo e fermiamoci un momento vicino all’oggetto con lui. Giochiamoci insieme, invitandolo a mordicchiare il target di riferimento. Una volta che avrà preso in bocca la pallina o il legnetto, voltiamoci e invitiamolo a seguirci con il comando vieni! Se ci segue con l’oggetto in bocca diciamogli bravo e premiamolo. Se quando impartirete il “comando lascia“, il vostro cane abbandonerà l’oggetto premiatelo e rilanciatelo nuovamente.

Alla fine il nostro cane, capirà che per farci contenti, basta seguirci con quello che gli lanciamo in bocca, proprio per questo il rapporto di amicizia tra cane e padrone è indispensabile! Come avrete potuto modo di notare, i metodi per addestrare un cane al riporto, sono svariati, e in genere i poco interessati a questo gioco, amano fare altro, come ad esempio tartufare, annusare e seguire piste. Quindi ricordatevi di non forzare mai i vostri amici in qualcosa che non amano fare, loro saranno sicuramente più felici e voi non avrete male al braccio!